Cosa fare dopo la maturità

0
50

Siamo oramai agli sgoccioli, la fine degli esami di maturità è alle porte e la maggior parte dei futuri maturandi ha le idee confuse su “cosa fare da grande”.

Proprio così: oltre alla paura di questi giorni, per i tre esami da affrontare,  per buona parte dei 500 mila ragazzi che affronteranno gli esami di maturità il futuro è un grande punto interrogativo.

Il periodo della fine della scuola superiore suscita tristezza nella maggior parte dei ragazzi. Lo ammette il 52% dei maturandi, mentre il 44%  dei ragazzi sono incerti sul da farsi. Infatti, alla formulazione della fatidica domanda “cosa farai da grande”, parte di loro preferisce non rispondere del tutto oppure non pensare proprio a cosa farà domani.

Ma il peggio è che, di questo disegno pessimistico, l’Italia non è che ne esce fuori tanto bene, anzi.

Quattro  ragazzi su dieci vedono l’Italia come un paese che si è allontanato da loro e dai loro bisogni, però, nonostante questo parere, molti di loro dichiarano che faranno di tutto per cercare di migliorare la situazione.

Tempo addietro furono gli operai e i contadini ad emigrare all’estero in cerca di risorse per il loro futuro, oggi la situazione è cambiata.

Adesso sono i giovani professionisti che preferiscono emigrare all’estero, fare le valigie per cercare di costruire qualcosa di serio per il loro futuro in un paese diverso da quello di origine.

Per emergere nel mondo del lavoro bisogna mostrarsi, farsi conoscere, far conoscere le proprie idee e i propri progetti, e in un paese come l’Italia, dove se non sei raccomandato puoi fare la fame, tutto questo è diventato pura utopia.

Coraggio ragazzi, non rimane altra scelta che fare le valigie e andare in cerca di fortuna.