Carta docente a 400 Euro: in arrivo una proposta

0
290
scuola
Fonte: Flikr

Cambiamenti in arrivo per quanto riguarda l’importo della carta docente. Considerando la proposta di taglio presente nella Legge di Bilancio 2024, la carta docenti subirà una netta riduzione a 400 euro a partire dal 2024.

Alla luce del testo della Legge di Bilancio 2024, è stata evidenziata la mancanza di fondi per poter garantire dal nuovo anno la carta del docente dal valore di 500 euro.  La riduzione a 400 euro era già stata considerata con il Decreto legge valorizzazione docenti approvato dall’allora Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.

I Nuovi importi da Gennaio 2024

L’attesa di una novità che possa stabilizzare le cose è sempre presente. Ad ogni modo, qualora nulla cambierà, la carta docente dovrebbe diminuire a:

  • 400 euro netti circa già dal prossimo anno scolastico 2024 2025;
  • 375 euro netti circa nell’anno scolastico 2025 2026;
  • 350 euro netti circa nell’anno scolastico 2026 2027;
  • 300 euro circa nell’anno scolastico 2027 2028.

A chi spetta la carta docente

La carta docente è un contributo economico per gli insegnanti pari a 500 euro per anno scolastico, da utilizzare per l’aggiornamento professionale e per tutto ciò che è inerente alla formazione legata al settore. Il bonus spetta ai docenti che:

  • sono assunti in ruolo a tempo indeterminato nelle scuole statali, sia a tempo pieno che a tempo parziale;
  • hanno contratto di supplenza annuale fino al 31 agosto 2023, su posto libero.
  • si trovano nel periodo di formazione e prova per l’insegnamento;
  • sono assunti in scuole all’estero;
  • sono assunti nelle scuole militari.

La carta docente non va richiesta e quindi non è necessario procedere a nessuna richiesta online o cartacea. La carta viene assegnata in automatico a tutti i docenti di ruolo indicati tra i beneficiari e ai docenti a tempo determinato con contratti annuali.

Aggiornamenti

Per tutti gli aggiornamenti invitiamo i lettori a seguire il gruppo facebook ed il gruppo telegram dedicato all’istruzione ed il nostro sito web concorsi-pubblici.orgla pagina Facebook e la  pagina Instagram.