Trovare lavoro con il curriculum: tutto quello che c’è da sapere

0
459

Il curriculum è il documento fondamentale di chi cerca lavoro, il “passaporto” per ottenere un colloquio e per sperare in un’assunzione. Non a caso, tutte le aziende in cerca di personale richiedono quasi sempre l’invio o la presentazione del curriculum.

Ma questo documento serve davvero a trovare lavoro? In alcuni casi sì, in altri no. Il documento che racchiude le esperienze di formazione e di lavoro serve a caratterizzare il profilo del candidato e a inquadrarlo in uno specifico ruolo.

Non sono necessarie decine di pagine per far capire quanto si vale o cosa si sa fare, ma solo alcune informazioni mirate e coerenti con il profilo ricercato dall’azienda.

Spesso, infatti, i selezionatori dedicano solo pochi secondi alla lettura del Cv, a volte uno sguardo, per trovare quell’unica esperienza che essi ritengono fondamentale per assumere un nuovo candidato.

Il curriculum serve proprio a trovare uno specifico lavoro e non qualsiasi lavoro. Se il documento è troppo mirato e comprende un percorso di formazione e studio lineare e coerente, bisogna inviarlo solo ad aziende che cercano persone con quel curriculum.

E’ inutile, ad esempio, presentare il Cv con esperienze ingegneristiche a un’azienda che cerca solo camerieri. Al contrario, se il Cv comprende varie esperienze, compresa anche quella del cameriere, può bastare solo l’indicazione di questa esperienza per aggiudicarsi un posto di addetto alla sala di un ristorante.

Con il mercato del lavoro attuale è inutile affannarsi a inviare centinaia di curriculum ricchi di pagine e di particolari, perché, lo ribadiamo, i selezionatori non cercano persone con diverse esperienze, ma solo i profili di cui essi hanno effettivamente bisogno.

Fonte immagine: Curriculum-vitae-europeo.softonic.it

Lascia un commento