In aumento i suicidi a causa della disoccupazione

0
69

LaureatoIn Italia i dati parlano di 4 mila suicidi  ogni anno. Lo rivela una notizia dell’Apcom riportata dal portale news di Tiscali.

A destare allarme è anche  l’aumento della quota di suicidi tra disoccupati e precari, specchio di un malessere sempre più crescente che colpisce giovani in cerca di prima occupazione o di stabile occupazione e meno giovani, costretti, da un giorno all’altro, a perdere il lavoro di una vita e a non poterlo mai più ritrovare. 

 In Sicilia ha destato anche molto scalpore il suicidio del giovane 27 enne ricercatore universitario precario, che ha deciso di farla finita con le angosce derivanti dal tormento di un futuro incerto, gettandosi dal settimo piano dell’Università di Palermo.

Stava per terminare il dottorato di ricerca. Ci ha colpito molto anche il commento addolorato del padre del giovane che ha parlato di “Omicidio di Stato” riferendosi alla totale mancanza di meritocrazia che contraddistingue il mondo del lavoro( noi aggiungiamo Italiano ed in particolar modo quello del Sud Italia e della Sicilia). 

 Il ripristino di valori quali l’accesso meritocratico al mondo del lavoro, il sostegno delle istituzioni ai più capaci e meritevoli, potrebbero anche aiutare a prevenire gesti estremi, specie da parte delle persone più sensibili o più fragili.

Un suicidio non è mai la soluzione ai problemi, la vita è una lotta, ma indagare sulle cause che spingono a certi gesti e magari tentare di rimuoverle sarebbe già un buon passo avanti per prevenirli.

Fonte immagine:  http://parrocchiasacrafamiglia.org/site/?q=ilfatto