Fisco, il 31% delle PMI distrutto dai controlli

0
81

Una ricerca dell’ Associazione Contribuenti Italiani ha evidenziato il fatto che molte PMI muoiono sotto il peso del Fisco e dei controlli.

In particolare, secondo la ricercapresentata nell’ ambito del “Fisco Tour 2011” presso il convegno “Fisco Spy”, il 31,6% delle piccole e medie imprese italiane chiudono dopo un accertamento fiscale. Un’ impresa su tre e costretta a chiudere non per la violazione o la mancata messa in regola ma perchè rinuncia a fare ricorso o altro per riuscire a dimostrare di essere nel giusto. Le aziende che non riescono a chiudere hanno contribuito all’ incremento delle richieste di rateizzazione delle imposte che sono arrivate da 12 miliardi a 14 miliardi di euro.

Una mano in questo senso giunge dallo Sportello del Contribuente che ha l’ obiettivo di incrementare quelli che sono gli esiti favorevoli per i contribuenti durante le controversie legate agli accertamenti, alle cartelle di pagamenti errati o agli avvisi di liquidazione. Proprio per questo Vittorio Carlomagno, presidente dell’ Asssociazione Conrtribuenti Italiani, ha chiesto al Parlamento che Lo Sportello del Contribuente “sia istituito, per legge, in tutti gli organi diretti ed indiretti dell’amministrazione finanziaria”.