Cgil: Cig pesa sui salari dei lavoratori per 1,6 mld

0
100

cassa-integrazioneL’ Osservatorio Cig del dipartimento Settori produttivi della Cgil Nazionale ha calcolato che la cassa integrazione pesa sui salari e che in soli 4 mesi oltre un milione di lavoratori ha dovuto fare i conti con cassa ordinaria, straordinaria, in deroga.

Tuto questo ha comportato una perdita di 1,6 miliardi di euro dai salari dei lavoratori. Secondo il segretario confederale, Susanna Camusso, “La ripresa è lenta e lunga e l’occupazione in molte aziende è in pericolo e non basta più la difesa attuata con la Cig in questi mesi la ricollocazione e la riorganizzazione del sistema produttivo italiano non può avvenire spontaneamente senza indirizzi di politica industriale….Per questo non serve l’immobilismo del governo ma la necessità di scelte. Lavoro e occupazione, sostegno agli investimenti e riduzione del carico fiscale su lavoratori dipendenti e pensionati: questa è la strategia per fronteggiare la crisi”.

Nei primi quattro mesi dell’ anno le richieste di Cassa integrazione in deroga (Cigd)sono aumentate e  sono state più di 88 milioni le ore autorizzate, con un incremento tendenziale del 652,40%. Il maggior carico di ore si riscontra in tutti quei settori e in quelle aziende che non rientrano nella normativa attuale della cassa integrazione straordinaria, con in testa l’ edilizia che segna +5.551,01% (852.229 le ore); segue il commercio con +2.285,03% (21.245.592 le ore); mentre la regione maggiormente esposta è la Lombardia con 28.288.586 di ore (+546% sul 2009), seguita dall’Emilia Romagna che con 15.068.781.

Per quanto riguarda la Cig, secondo i dati resi noti, ha raggiunto le 415.735.539 ore con un aumento del 103%. La cassa ordinaria registra un aumento del 5,59% , anche se ad aprile si è notato un rallentamento e infine la cassa straordinaria cresce del +3,29%.