8.500 lavoratori introvabili, posti di lavoro disponibili e settori su cui puntare

0
92

trovare lavoro

Sei alla ricerca di un’occupazione, oppure stai ancora studiando e devi o vuoi specializzarti? Sicuramente, il consiglio che possiamo darti è quello di puntare su tutte quelle professionalità specifiche e su questi settori che andremo ad analizzare qua di seguito.

Questo perché, attualmente si contano circa 8.500 posti di lavoro che rimarranno vacanti, in quanto non ci sono i professionisti specifici per ricoprirli.

Lo rivela l’Ufficio studi della CGIA, che ha analizzato i dati emersi dalla periodica indagine effettuata dall’Unioncamere-Ministero del Lavoro su un campione qualificato di imprenditori italiani.

Si prevede che le aziende italiane offrono oltre 29mila nuovi posti di lavoro di cui circa 8.500 rimarranno senza copertura.

Tra i professionisti più difficili da reperire nei settori informatici, meccanici e di progettazione ci sono: analisti e progettisti di software, tecnici programmatori, ingegneri energetici/meccanici, tecnici della sicurezza sul lavoro ed esperti in applicazioni informatiche, neisettori dove è richiesta maggiore manualità e conoscenze tecniche ci sono: attrezzisti di macchine utensili, installatori e riparatori di apparati elettrici ed elettromeccanici, nel settore ospedaliero ci sono: infermieri, ostetriche e  professionisti della riabilitazione, mentre nel settore della bellezza ci sono gli acconciatori,.

Nel 2009 i lavoratori introvabili erano principalmente gli addetti ad attività artigianali ad elevata abilità manuale, oggi sono più richiesti quei lavoratori adatti a ricoprire i posti dei settori ad alta specializzazione tecnica, in particolare nell’informatica.

Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia, a proposito dello studio appena concluso afferma che “Nonostante il perdurare della crisi, molte aziende continuano a denunciare che nei settori tecnologici ad alta specializzazione le competenze dei candidati sono insufficienti”.