Sussidio di Disoccupazione da 1000 euro al mese, non più solo per Lavoratori Dipendenti

0
122

disoccupato

 

Istituito un sussidio che si aggira intorno ai 1.000 euro al mese a garanzia non solo dei lavoratori dipendenti che restano senza impiego, ma anche di altre categorie che finora non venivano tutelate a seguito della perdita del lavoro.

Si tratta della nuova ASpI, una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1° gennaio 2013 e viene erogata a favore dei lavoratori dipendenti che abbiano perduto involontariamente l’occupazione.

Rientrano in questa categoria:

– gli apprendisti;

– i soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato;

– il personale artistico con rapporto di lavoro subordinato.

– i dipendenti a tempo determinato delle Pubbliche Amministrazioni.

 

L’indennità spetta in presenza dei seguenti requisiti:

–          L’interessato deve recarsi presso il Centro per l’impiego territoriale del proprio domicilio e dichiarare l’immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa;

 

–          Devono essere trascorsi almeno due anni dal versamento del primo contributo contro la disoccupazione;

 

–          Almeno un anno di contribuzione contro la disoccupazione nel biennio precedente l’inizio del periodo di disoccupazione.

 

La domanda per il riconoscimento dell’indennità di disoccupazione ASpI deve essere presentata all’INPS, esclusivamente in via telematica, attraverso uno dei seguenti canali:

–          WEB – servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Inps;

 

–          Contact Center multicanale attraverso il numero telefonico 803164 gratuito da rete fissa o il numero 06164164 da rete mobile a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico;

 

–          Patronati o intermediari, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi con il supporto dell’Inps.

 

 

Per ulteriori informazioni consultare l’area dedicata alle “Prestazioni a Sostegno del Reddito” del sito Inps.