Croupier: come diventarlo

0
134

E’ più che normale: i lavori che trasformano il gioco in professione affascinano sempre e sono sempre tenuti in alta considerazione dai giovani e giovanissimi che fantasticano sul proprio futuro. Ma trovare un lavoro di questo genere è possibile o si tratta semplicemente di una fantasia da accantonare al più presto?

Certo che è possibile, specie se si ha la passione per le sale da casinò, per il rumore di gettoni scintillanti che arricchiscono le tasche di qualche fortunato, o se si ama il luccichio delle slot machine, per dirla in una parola se si è appassionati di gioco d’azzardo.

La professione più richiesta in questo ambiente è certamente quella del croupier. Chi sia lo sappiamo grosso modo tutti: romanzi, cinema, esperienze reali, giochi online hanno svelato tutti i segreti di questa figura. Quel che non tutti sanno è come si possa diventare croupier. Tanto per cominciare è necessario essere in possesso di qualche requisito fondamentale, inoltre è bene ricordare che croupier si diventa, non si nasce, quindi la formazione è fondamentale.

Croupier: identikit

Tutti possono diventare croupier, solo alcuni però possono sfondare e passare da novellini a professionisti. Fra le attitudini che proprio non possono mancare c’è la predisposizione al calcolo, ai rapporti interpersonali, ma soprattutto la conoscenza di base delle lingue, meglio ancora dell’inglese. I casinò lo sappiamo, sono frequentati soprattutto da turisti. Mai visto un casinò aperto di giorno? E’ una rarità, per cui il croupier è un lavoratore notturno, che di norma vive a pochi passi dalle sale da gioco. Inoltre è impensabile che un croupier abbia procedimenti penali in corso o condanne, o ancora sia stato licenziato in precedenza da una mansione similare per motivi disciplinari. Di norma inoltre si preferiscono giovani dal viso pulito, senza piercing e senza tatuaggi (per lo meno visibili). Se avete le carte in regola non dovete far altro che cercare il corso che fa al caso vostro.

La formazione

Di norma durante i corsi per diventare croupier non solo si insegnano le tecniche di gioco, ma anche calcolo matematico e lingua inglese, che abbiamo visto essere requisiti fondamentali. I corsi non durano più di 6 mesi e alla conclusione ci si potrà immergere nel luccicante mondo lavorativo. E’ bene sottolineare però che in Italia ancora non esiste un albo al quale iscriversi o un ente certificatore per cui scegliere un ente di formazione affidabile e certificato è fondamentale.

Ecco qualche link che potrebbe tornarvi utile:

Centro formazione Croupiers

Croupier courses International

Il mondo del lavoro

Una volta seguito un corso formativo il giovane croupier potrà decidere di lavorare in Italia, dove sono presenti alcuni famosi casinò, o emigrare alla volta dell’Inghilterra, con all’attivo più di 200 case da gioco (quando si dice amare l’azzardo), o alla volta della Svizzera. Da non sottovalutare la possibilità offerta dalle numerose navi da crociera che garantiscono un buon impiego e un buon stipendio.