Quali mestieri permettono di Lavorare e Guadagnare “Bene” Viaggiando

0
117
lavorare viaggiando

lavorare viaggiandoIl rientro dalle vacanze è sempre un po’ un trauma, si ritorna chini sulle scrivanie, chiusi negli uffici, intrappolati nel grigio traffico della città, sognando ancora l’azzurro del mare, la sabbia calda tra le dita, il profumo dei pini di montagna, le passeggiate, le feste con gli amici… Ma se per caso non voleste “rientrare” per dover lavorare? Basterebbe trovare un lavoro che consenta di viaggiare, conoscere posti nuovi ed essere sempre in contatto con persone nuove.

Il sogno un po’ di tutti, ma cosa bisogna fare e quali sono i lavoro che consentono di viaggiare?

Quando si parla di lavorare viaggiando si pensa subito alle crociere, o comunque nel mondo del turismo, e in effetti è un buon punto di partenza; Il settore turistico è sempre in fermento, la gente non smetterà mai di prendersi delle pause dal lavoro e serve sempre personale per permetterlo.

Barman, cuochi, camerieri, animatori sono i più gettonati, sono lavori normalmente stagionali che permettono di viaggiare molto anche da un capo all’altro del mondo e conoscere culture e lingue diverse. Spesso non è richiesta esperienza, ma un requisito indispensabile è la conoscenza della lingua inglese o meglio del paese in cui ci si reca.

Le mete turistiche sono sempre alla ricerca anche di istruttori di vari sport, dal sub allo sci, ma ricordate che questi lavori necessitano di attestati di partecipazione a corsi, abilitazioni e certificazioni particolari. Le navi da crociere invece cercano diverse categorie di lavoratori dal settore amministrativo al personale per i casinò, agli esperti di fitness e beauty, oltre a medici, fotografi e animatori.

Anche insegnare la propria lingua in paesi stranieri può diventare fonte di reddito e un’ottima base di partenza per trovare lavoro e viaggiare allo stesso tempo.

Se invece il vostro lavoro lo potete svolgere via web allora risolvete subito il problema, con la tecnologia moderna basta un buon operatore di servizi internet per lavorare tranquillamente sotto una palma in riva al mare, esperti di web marketing, e-commerce, programmazione possono fornire le loro consulenze ovunque.

Un nuovo “mestiere” che sta allettando i giovani che amano viaggiare è il travel blogger, detta così sembra una passeggiata, uno viaggia e racconta dei suoi viaggi in un blog… peccato che viaggiare abbia un certo costo e se nessuno legge il blog i guadagni non arrivano, così per far diventare il viaggiare un lavoro bisogna saper scrivere bene, catturare l’attenzione del pubblico, cercare qualcosa di originale, e poi essere costanti nell’aggiornare il blog, cercare di imparare bene le regole dei motori di ricerca per il posizionamento dei propri articoli e attirare così l’attenzione di qualche sponsor, di enti o aziende che intendono magari investire in quello che si racconta.

Il lavoro perfetto non si sa ancora se esista, ma di sicuro se un lavoro piace e soddisfa è già un passo avanti, e se poi lo si fa nel luogo che uno preferisce è ancora meglio!