Vincere un concorso pubblico

0
65

I politici italiani lo dicono da tempo, ovvero che bisogna scordarsi del posto fisso perché ormai non esiste più. Eppure, secondo le ultime statistiche, i giovani continuano ancora ad inseguire il mito del posto fisso, magari pubblico, che rappresenta nell’immaginario collettivo il miglior posto di lavoro possibile.

In effetti il posto pubblico è quello che sembra garantire le migliori condizioni di stabilità lavorativa, a meno che il default dei conti nazionali non faccia saltare anche gli stipendi degli statali e degli altri dipendenti del pubblico impiego.

Per lavorare in un ente pubblico si deve sostenere e superare un concorso. Ormai si accede ai concorsi sostenendo delle prove preselettive, dei test psicoattitudinali che effettuano una prima scrematura dei candidati. La prima cosa da fare, per superare un concorso pubblico, è rispondere esattamente a questi test.

Online esistono dei siti che consentono di esercitarsi con vari test attitudinali, di logica, di matematica e di cultura generale. Un sito che consente di sperimentare la propria abilità con i test è Matematicamente.it.

Il superamento del test permette l’accesso alle prove del concorso, solitamente composte da esame scritto ed orale. Lo scritto e l’orale vertono quasi sempre sulla materia oggetto del concorso, così, nel caso di un posto in Comune, si parlerà, ad esempio, di ordinamento degli enti locali.

I concorsi prevedono anche una prova per testare la conoscenza della lingua inglese e, dunque, conoscere questa lingua è d’obbligo se si vuole partecipare a una selezione pubblica. La bravura e la preparazione possono anche non essere sufficienti a vincere un concorso, specie quando i concorrenti sono troppi.

In questo caso si rischia di essere superati, a parità di punteggio, dal candidato più giovane o con titoli che danno diritto a posti di riserva, come la percentuale di invalidità.

Quando si presenta una domanda di concorso è meglio accertarsi non solo del numero dei posti messi a concorso ma anche del numero dei partecipanti. Se per un solo posto si presentano mille persone, è consigliabile evitare la prova e cercare un concorso dove ci siano meno concorrenti e più posti disponibili.

Fonte immagine: Impresalavoro.eu