Lavoro giovani, 200 mila assunzioni nei prossimi mesi

0
492

A partire dal 2013 si prospettano assunzioni per i giovani, questo a quanto decretato dal nuovo provvedimento sul tema della disoccupazione già approvato dal Consiglio del Ministri. Lo stesso Presidente del Consiglio Enrico Letta, ha annunciato questo provvedimento, affermando quanto sia significativo un passo del genere in questo periodo di profonda crisi.

Letta con queste parole ha voluto ribadire quanto molti giovani attendevano da tempo “È un intervento significativo, coperto in parte con fondi nazionali e in parte con fondi europei. Servirà ad assumere in 18 mesi 200 mila giovani con un’intensità maggiore nel centro Sud. Ma è un provvedimento che riguarda tutto il Paese. Vogliamo dare un colpo duro alla piaga della disoccupazione giovanile”. Gli incentivi per le assunzioni di giovani tra i 18 e i 29 anni di età, riguarderanno tutta l’Italia e una maggior risorsa sarà impiegata al Sud dove la piaga della disoccupazione è davvero difficile da estirpare.

Questo piano anti – disoccupazione giovanile dovrebbe avere avvio da subito infatti sono previsti, stanziamenti per un valore di 100 milioni per il 2013, 150 per il 2014, 150 per il 2015 e 100 per il 2016.

Su questo provvedimento si scorgono anche i commenti favorevoli del segretario della Cgil Susanna Camusso, che afferma “È sicuramente un segnale positivo che il provvedimento degli incentivi si rivolga ad assunzioni a tempo indeterminato, a trasformazioni di contratti precari in contratti a tempo indeterminato“.

A quanto pare questo decreto lavoro, per il rilancio dell’occupazione, sarà una vera manna dal cielo non solo per i giovani ma anche per chi ha oltre cinquant’anni di età e per chi si trova in stato di disoccupazione da oltre un anno.

Alcune offerte di lavoro che potrebbero interessarti:

– 126 posti di lavoro a Tempo Indeterminato al Comune, ecco come candidarsi CLICCA QUI

Ikea assume, 250 nuovi posti di lavoro. Invia il CV CLICCA QUI

– 150 assunzioni a tempo indeterminato alle Poste Italiane, ecco come candidarsi CLICCA QUI

Fonte: Corriere.it