Sciopero da parte dei lavoratori dell’Ex Jolly Hotel

0
92

ex_jolly_hotel

In questi giorni c’è stato uno sciopero da parte dei lavoratori dell’Ex Jolly Hotel.

La Rappresentanza Sindacale Aziendale (RSA), e i lavoratori dell’NH Excelsior di Siena (ex Jolly Hotel), hanno creato uno sciopero che si è svolto i giorni 15-16-17 agosto.

L’Ex Jolly Hotel, è una nota struttura che si trova proprio a due passi dallo stadio senese, ed è solito per la struttura ospirare le squadre avversarie della squadra senese.

I motivi per cui è stato indetto lo sciopero, sono la diminuzione della durata dei contratti stagionali, il ridimensionamento dell’organico ecc.

Ma vediamo nei dettagli le dichiarazioni rilasciate dalla RSA: “Tale forma di lotta e di protesta si è resa necessaria perché nonostante la nostra sospensione dello sciopero proclamato per il 2 luglio e il successivo incontro del 14 con la Direzione Risorse Umane di sede e la Direzione locale permangono tuttora i motivi e le condizioni che determinano una forte situazione di conflittualità”.

La RSA, aggiunge anche i dettagli delle motivazioni:

  • “nel progressivo ridimensionamento dell’organico e di alcune figure fondamentali per l’organizzazione del lavoro, nonché nella diminuzione della durata dei contratti stagionali (nonostante la struttura dell’ex Jolly Hotel di Siena non sia stata particolarmente coinvolta nella flessione di mercato registrata dalla catena alberghiera di cui fa parte ed anzi abbia raggiunto buoni risultati economici). 

  •  In un mancato effettivo riconoscimento del ruolo sindacale della RSA nel luogo di lavoro, già molte volte denunciato. 

  • In una consolidata conferma da parte datoriale di venire meno al rispetto di importanti accordi siglati in precedenza ed alla ribadita volontà di escludere d’ora in poi il confronto sindacale dagli aspetti peculiari ed organizzativi dell’attività produttiva di settore. 

  • Nel perdurare di un clima di sfiducia e disistima nei confronti dei Lavoratori manifestato apertamente e ripetutamente dall’Azienda”.

Fonte
http://www.valdelsa.net