Sciopero Benzinai, preparatevi ad un novembre di “fuoco”

0
132

Dopo lo sciopero dei treni di ieri e oggi, arrivano le proteste anche da parte dei benzinai.

Anche la categoria si prepara ad una serrata contro “l’ assoluta inerzia del governo, inadempiente rispetto agli impegni ripetutamente assunti nei confronti della categoria, mettendo a rischio di fallimento circa 25.000 piccole imprese e i 140.000 posti di lavoro degli addetti occupati.

Questo è quanto si legge nel comunicato stampa con cui i sindacati coinvolti, ovvero la fegica e la Faib che hanno annunciato anche che anche gli impianti sulle reti stradali e autostradal rimanno chiusi durante i 15 giorni di sciopero proclamati per il prossimo mese di novembre. I primi tre giorni di chiusura sono previsti per l’ 8, il 9 e il 10 novembre prossimi almeno fino a quando la categoria non otterrà la liberalizzazione del settore o il ripristino delle agevolazioni di cui godevano in quanto sostituti di imposta.