Riviste a ribasso le stime sull’economia si prevede manovra finanziaria

0
110

soldiIl ministero dell’ Economia ha visto al ribasso le precedenti stime, e ha pubblicato le nuovi percentuali nella Relazione Unificata sull’ economia e la finanza pubblica, sempre sottolineando che ” l’ Italia si colloca tra i paesi meno indebitati in ambito europeo”.

Le nuove stime vedono il Pil italiano crescere dell’1% quest’anno, dell’1,5% nel 2011 e nel 2012 del 2% di aumento, mentre le precedenti stime vedevano +1,1% nel 2010 e +2% nel 2011 e 2012. Nella relazione sono confermati gli obiettivi che riguardano il rapporto deficit/Pil da qui al 2012, anno in cui l’ Italia dovrebbe arrivare sotto la soglia del 3%, mentre per quanto riguarda la disoccupazione il dato previsto è dell’8,7% nel 2010, dell’8,5% nel 2011 e dell’8,2% nel 2012. Mentre le stime del debito pubblico vedono un peggioramento, secondo le stime la somma salirà al 118,4% (precedente 116,9%)del Pil quest’anno, al 118,7% (116,5%) nel 2011, mentre è prevista una sua diminuzione nel 2012. 

Nella relazione si legge inoltre che «Il mantenimento degli obiettivi di finanza pubblica rende necessaria «una manovra correttiva sul saldo primario pari in termini cumulati a circa l’1,6% del Pil nel biennio 2011-2012» e cioè si tratta di una manovra economica da 5 miliardi di euro.