Risparmiare comprando a prezzi scontati

0
309

Al giorno d’oggi è davvero difficile arrivare a fine mese. Complice l’euro che ha fatto lievitare i prezzi e in ultimo l’Iva che passando al 21% ha dato il via libera a un’ulteriore impennata dei prezzi,  comprare qualsiasi cosa sta rischiando di diventare esclusivamente roba da ricchi.

Purtroppo è così, visto che gli stipendi calano per via della scarsità di lavoro, oppure non crescono mai. In questo quadro si cerca di risparmiare al massimo acquistando prodotti a basso prezzo e comunque sempre di buona qualità.

I prodotti a basso prezzo si trovano, ma non sempre comprendono pure una buona qualità. Per quanto riguarda i generi alimentari e di prima necessità si va a fare la spesa cercando conserve, sughi, olio d’oliva e prodotti per la pulizia della casa che costino meno di due euro.

Generalmente,  in occasione di offerte e promozioni o in punti vendita specifici,  con 20 euro si riesce a riempire abbondantemente il carrello della spesa. Ma risparmiare  senza controllare prima la qualità di quello che si compra, può essere rischioso. Perché, ad esempio, se  un litro di olio extravergine di oliva è quotato a 5, 6 euro, lo si può trovare in offerta a 2,50 euro?

E perché esiste il prosciutto in offerta ch ei compra anche a 8 euro al chilo quando un buon prosciutto ne vale 20? In questi casi bisogna ponderare molto bene il rapporto qualità/prezzo, controllando sempre l’etichetta dei prodotti acquistati. L’olio di oliva può costare a metà prezzo perché potrebbe trattarsi dell’olio dell’anno prima.

Il prosciutto perché potrebbe contenere troppi conservanti, il detersivo perché potrebbe essere pieno zeppo di formaldeide. Con frutta e verdura ci si può difendere comprando direttamente dal produttore, ma per il resto?

Esistono ormai, ovunque, i Gruppi di Acquisto Solidale che si aggregano per acquistare tutto, dalla carne, alle conserve, esclusivamente da produttori locali che permettono di mantenere un  prezzo basso, ma sempre con la certezza della qualità.

Forse questa può essere la strada futura per risparmiare, perché il fatto di non poter arrivare a fine mese non giustifica il mercato a proporre prodotti che possono nuocere alla salute, perché quest’ultima non ha prezzo e le regole del mercato farebbero bene a tenerne conto.

 

Fonte immagine: ccomemagazine.it

 

Lascia un commento