Riforma del Lavoro, il nodo da sciogliere rimangono i soldi

0
293

Dopo il niente di fatto della scorsa settimana, riecco all’orizzonte un nuovo incontro tra leader politici e parti sociali per la tanto attesa riforma del lavoro. Anche se l’incontro è previsto per la prossima settimana resta comunque il fatto che le risorse per coprire una riforma o allargamento degli ammortizzatori sociali mancano. Secondo i sindacati, infatti, servirebbero almeno 2,2 miliardi ma il Governo va avanti e il ministro del Welfare, Elsa Fornero, annuncia che l’accordo potrebbe arrivare entro marzo. Alla base della riforma ci saranno due questioni: flessibilità e strumenti assicurativi ed assistenziali per cavalcare la riforma.

Non è dello stesso parere la leader di Cgil, Susanna Camusso, che ci tiene a precisare che se il Governo finirà per decidere in modo autonomo la risposta ”non sara’ uno sciopero generale, la fiammata di un giorno, ma la costruzione di un movimento che durera’ attraverso un percorso di mobilitazione da mettere in campo”.

Lascia un commento