Prima casa, cosa succede alle agevolazioni in caso di successione?

0
59

Torniamo a parlare delle sempre più sudate prime case. In questo caso però non parleremo di Imu ma di successione ed agevolazioni.

In particolare, le agevolazioni prima casa non vanno perse in caso di successione. Se per le imprese questo significa che sarà  applicata l’Iva al 4%, anziché al 10, e il pagamento dell’imposta di registro, per i soggetti privati invece si parla di tutta un’altra storia.

In particolare, il soggetto privato dovrà pagare l’imposta di registro ad un’aliquota ridotta al 3% (invece del 7%), l’imposta ipotecaria di 168 euro e l’imposta catastale. Per ottenere le agevolazioni bisogna dichiarare che la propria residenza è nello stesso comune dove si trova l’immobile o lo deve essere entro 18 mesi dalla data di apertura della successione.

In questo caso  le agevolazioni prima casa resteranno anche in caso di successione e varranno anche per i cittadini italiani che risiedono all’estero.