Più opportunità di lavoro a 40 anni?

0
548

primi40anniProbabilmente il titolo ( o il contenuto) di questo post farà sobbalzare dalla sedia i quarantenni, magari li farà arrabbiare, o forse, accenderà qualche speranza in chi sta vivendo la tragedia di un licenziamento o di un lavoro perennemente precario.

In questa sede non ci va di scherzare con un argomento così delicato, vogliamo solo cercare di fare delle analisi sulla base delle testimonianze dal vivo di chi cerca di superare le difficoltà lavorative alla soglia o dopo i 40 anni.

Sembra che a questa età sia più semplice trovare delle opportunità lavorative, anche per le donne.

Ciò non vuol dire che le condizioni lavorative siano migliorate e che il mercato del lavoro sia più generoso, ma solo che nei quarantenni, una maggiore maturità e consapevolezza della situazione economica e del mercato permettono di adattarsi più facilmente alla realtà e di  cogliere più occasioni  lavorative.

Quali i vantaggi del cercare e trovare lavoro a 40 anni? Anzitutto una maggiore esperienza professionale, si tratta di persone in età lavorativa, con alle spalle ottimi studi, colte, e con delle esperienze di lavoro e curriculari già spendibili sul mercato.

Quando in una lettera di presentazione si dice che si possiedono più di 10 anni di esperienza in un determinato settore professionale, si dichiara di essere altamente competenti ed adatti a quel ruolo, per cui,  le aziende interessate a profili specializzati saranno più tentate di invitare al colloquio di selezione il o la quarantenne con queste caratteristiche.

Non tutti i settori però garantiscono più opportunità di lavoro a 40 anni. Se il settore sanitario non disdegna signore tra i 40 – 45 anni, altri profili, come la commessa o la segretaria, sono preferiti più giovani.

Buone le prospettive per chi si propone come libero professionista o lavoratore autonomo freelance nei settori economici emergenti, come le nuove professioni del web.

Fonte immagine: filmotore.com

Lascia un commento