Pensioni, Lavoro di notte ritenuto usurante

0
77

catena_montaggioNovità importanti nel mondo del lavoro e soprattutto per quello che concerne il lavoro di notte e quelli usuranti.

La legge sui lavori usuranti ha ottenuto il via libera bipartisan dalla commissione Lavoro della Camera e il prossimo 15 marzo approderà nella stessa commissione del Senato. L’ iter potrebbe concludersi entro il mese di aprile e questo significa che presto anche tutti i lavori di notte potranno essere considerati come usuranti.

In questo modo rientreranno, oltre ai lavori già identificati come quelli in galleria, cave, per il vetro e palombari, anche gli addetti alla catena di montaggio e i conducenti di veicoli (con almeno 9 passeggeri) per un totale di oltre 5mila persone coinvolte. La legge si basa però anche sulla durata dlla mansione e quindi nel primo momento, subito dopo l’ entrata in vigore della legge, saranno richiesti 7 anni negli ultimi dieci di lavoro, dal 2018 occorrerà avere almeno la metà della vita lavorativa. Tutti i lavoratori che risponderanno a questi requisiti potranno andare in pensione tre anni prima rispetto a quanto previsto dalla legge, a partire dal 2013.

Cecilia Taranto, segretaria nazionale Fp Cgil, ha commentato: “Finalmente anche il lavoro notturno in sanità sarà considerato usurante. Si tratta di un obbiettivo da noi sempre perseguito e per il quale finalmente raggiungiamo un primo risultato, anche se con diverse limitazioni”.