Pensioni, ecco le possibili modifiche

0
89

Dopo le polemiche e le crisi dei giorni scorsi, ecco che all’ orizzonte possiamo scrutare già le indiscrezioni che riguardano le prime modifiche che saranno apportate alla manovra economica.

Le novità riguarderanno anche le sofferte pensioni che anche nel 2013 e fino a 1.400 euro saranno salve.  La manovra, che approda in aula questa mattina, arriverà al Senato il 21 dicembre con un voto finale previsto proprio per il prossimo 23 Dicembre. Tra le principali modifiche proprio in materia di pensioni c’è la “salvezza” di quelle più diffuse, diciamo così, che, secondo le modifiche introdotte alla manovra nelle commissioni Bilancio e Finanze della Camera saranno rivalutate del 100% degli assegni nel biennio 2012-2013 fino a 1.400 euro.

Questa “piccola modifica” permetterà a oltre 10 milioni di persone di vedersi salva la propria pensione e di poter arrivare, anche con un piccolo sforzo, fino a fine mese.

Le altre modifiche riguardano penalizzazioni più soft per chi decide di andare in pensione prima che nei primi due anni di anticipo vedrà decurtare dall’ assegno dal 2 all’ 1%. Novità anche per la classe 52 quella in bilico sulla nuova riforma che, “In via eccezionale”, potranno accedere alla pensione con  35 anni di contributi e 64 anni di età se i requisiti si sono maturati entro il 31 dicembre 2012.

Le novità, infine, riguardano anche le donne, che potranno andare in pensione  a 64 anni se al 31 dicembre 2012 avranno almeno 20 anni di contributi e 60 anni d’eta, e per i lavoratori di Termini Imerese e Alenia che potranno godere di una serie di deroghe se si trovano in mobilità lunga da accordi sindacali siglati fino al 4 dicembre 2011.