Nuovi lavori: il proposal planner

0
73

Avete trovato la persona giusta da sposare, semmai con una conoscenza su un social network? Avete pubblicato un annuncio del tipo “cerco anima gemella” e vi è capitato il partner ideale?

E’ un momento fondamentale nella vita a due, e sarà proprio per questo che il desiderio è quello di non sbagliare nemmeno una virgola: non che la domanda sia poi così complicata, un “vuoi sposarmi?” lo sanno dire tutti, quello che non tutti sanno fare è piuttosto organizzare i modi, i tempi e i luoghi giusti per farlo.

Insomma per organizzare una proposta di matrimonio a cinque stelle, bella e convincente, gli americani chiedono aiuto a professionisti del settore, anello mancante fra il personal shopper ed il wedding planner: il proposal planner.

Le mansioni

Grosso modo di cosa si occupi il proposal planner lo abbiamo compreso tutti, per quanto il suo lavoro non sia così semplice; non si spiegherebbe altrimenti il perché di compensi tanto alti che vanno dai 500 dollari ai 12 mila. Se invece si desidera qualcosa di più economico, il proposal planner proporrà qualche idea, che poi l’interessato dovrà realizzare, tutto per 99 dollari.

Il servizio offerto è normalmente all inclusive, e ad eccezione delle spese di trasporto, del costo dei musicisti e dei fotografi, è realmente tutto compreso. La proposta d’altronde dovrà essere definita nei minimi dettagli: ci dovrà essere lo scenario perfetto, sia esso un bel caffè parigino, una ruota panoramica o una gondola, ci dovrà essere l’anello, meglio se immortalato a sorpresa da un fotografo e di norma non manca nemmeno la musica.

Proposal Planner in Italia

Per quanto la figura sia ad oggi particolarmente gettonata in America e i maschietti in età da matrimonio non battano ciglio nemmeno davanti a conti particolarmente salati, in Italia ancora non si sente parlare di Proposal Planner, per quanto non è improbabile che a mesi, qualcuno decida di testarne i servizi, e a questo punto come farne senza?

Link utili

http://www.theproposalplanners.ca/proposals.html

Fonte: Corriere.it