Nuove professioni: il data scientist

0
682

Le redini del comando da sempre sono state nelle mani dei ben informati, forse proprio per questo negli ultimi mesi sta prendendo vigore, anche in Italia, la figura del data scientist.

Sostanzialmente si tratta di quel professionista che è capace di analizzare i dati di cui dispone, e riesce ad organizzarli in maniera tale che vengano semplicemente fruiti da terzi. D’altronde le informazioni non strutturate e non trasformate, difficilmente possono essere assimilate e dunque possono tornare utili: per questo il profilo del data scientist diventa sempre più richiesto.

Se nel breve futuro, come è facile immaginare e prevedere, la quantità di dati che le aziende si troveranno a gestire aumenterà a dismisura, è logico pensare che dovranno ugualmente aumentare i professionisti capaci di gestire questi dati.

Data Scientist: identikit

Sostanzialmente si tratta di un giovane capace di identificare algoritmi specifici, che gli consentano di sviluppare modelli innovativi utili per migliorare la qualità, l’estrazione, la gestione, la modellazione ed infine la consegna dei dati. Il compito del data scientist è proprio quello di astrarre le informazioni ricevute annettendo a queste delle indicazioni concrete che possano essere strategiche e o operative.

Il professionista dovrà avere una certa sensibilità legale, visto che spesso si troverà a gestire dati privati ma soprattutto competenze statistiche che gli permetteranno di leggere le informazioni e astrarle, creando magari infografiche di semplice ed immediata lettura.

La creatività è infatti un altro elemento imprescidibile dalle skill del buon data scientist.

Possibilità d’impiego

Per il futuro pare saranno infinite dato che a breve, visto l’incremento di dati grezzi dai quali le aziende saranno letteralmente sommerse, serviranno sempre più data scientist.

Per avere un’idea grafica più rapida di quel che sarà il domani della professione, la EMC ha creato appunto un’infografica, che mette in forma grafica una miriade di dati elaborati.

Lascia un commento