Novità Affitti, cosa cambia dal 2014

0
286

La Legge di Stabilità 2014 punta anche a contrastare l’evasione fiscale, e per farlo attacca anche gli affitti, perché si calcola che il totale di imponibile annuo proveniente dagli affitti “in nero” si aggiri intorno a 1,5 miliardi di euro, che vorrebbe dire circa 300 milioni di euro di evasione.

Per contrastare questo il primo passo è lo STOP ai pagamenti in contanti. Ogni mensilità, a partire dal primo Gennaio 2014, andrà pagata tramite assegno, bonifico bancario o altro mezzo rintracciabile come carta di credito o bamcomat.

Per un mancato pagamento in maniera tracciabile la sanzione prevista va dall’1% al 4% dell’importo, con un minimo di 3mila euro.

Anche per gli studenti diventa fondamentale la ricevuta di pagamento, che servirà per richiedere le agevolazioni a loro spettanti in quanto studenti fuori sede.

Per il pagamento dei vari tributi legati al contratto di locazione a tassazione ordinaria, è stato introdotto un nuovo modello F24 creato appositamente per il pagamento delle imposte di registro, deii tributi speciali e compensi, dell’imposta di bollo e delle relative sanzioni ed interessi.

Il nuovo F24 è il modello “F24 versamenti con elementi identificativi” (F24 ELIDE) che sostituisce il vecchio F23.

Ridotto invece lo sconto fiscale per chi affitta con cedolare secca, passa infatti al 15% l’aliquota per i contratti a canone concordato, per quelle abitazioni che si trovano in comuni con bassa disponibilità abitativa. Per gli altri rimane al 21%.

Ancora niente di concreto invece, per quanto riguarda l’obbligo di presentazione di certificazione energetica (APE) nei contratti di locazione.