Ministero del lavoro: il sistema dei buoni lavoro

2
171

Logo Repubblica ItalianaE’ da qualche settimana che alla tv mandano messaggi promozionali in favore di questi misteriosi buoni lavoro, i voucher. Un lavoratore presta collaborazione occasionale ad un datore di lavoro che in cambio lo paga con un voucher. Fin qui tutto chiaro. Ma cosa sono questi voucher?

Il lavoro occasionale di tipo accessorio così come oggi noi lo conosciamo è una modalità di prestazione lavorativa prevista dalla legge Biagi. Uno degli obbiettivi era quello di regolamentare  e tutelare i lavori e i lavoratori che sconfinavano nel nero, dando a questi una protezione assicurativa e previdenziale.

Oggi attraverso questi misteriosi voucher, per dirla all’italiana buoni lavoro, è possibile retribuire il lavoratore occasionale e offrirgli copertura previdenziale presso l’Inps e copertura assicurativa grazie all’Inail.

Se ad esordio questa forma retributiva era prevista esclusivamente per le attività agricole, la legge n. 133/2088  e quella n.33 del 9 aprile 2009 ha ampliato i settori lavorativi regolamentabili grazie i buoni lavoro.

Il ministero del lavoro ci tiene a sottolineare quali siano i vantaggi per le parti:

  • Il datore di lavoro potrà beneficiare di prestazioni occasionali nella completa legalità, con totale copertura Inail  nel caso di incidenti sul lavoro.
  • Il lavoratore occasionale potrà integrare le sue entrate grazie a queste prestazioni saltuarie, il cui compenso è totalmente esente da ogni imposizione fiscale. Inoltre questi voucher non incidono in alcun modo sullo stato di disoccupato o inoccupato. Questi buoni danno inoltre diritto all’accantonamento previdenziale presso l’Inps e copertura assicurativa presso l’Inail, come già sottolineato, cumulabili con i trattamenti pensionistici.