McDonald’s, le nuove assunzioni solo propaganda

0
480

Da fonte Ansa apprendiamo quanto segue, La McDonald’s, in una recentissima campagna pubblicitaria, dichiara “Noi di McDonald’s nell’Italia ci crediamo, per questo diamo lavoro a 16.000 persone e ne assumeremo oltre 3.000 nei prossimi tre anni. Il messaggio è stato lanciato dalla multinazionale del fast food in uno spot pubblicitario televisivo che sui principali quotidiani italiani. Ma la federazione dei lavoratori del commercio della Cgil, demolisce questa nuova campagna pubblicitaria, in quanto la multinazionale si sottrae sistematicamente ai confronti sui contratti integrativi aziendali e ha relazioni sindacali praticamente inesistenti.

La Filcams-Cgil precisa che gli investimenti, le nuove aperture, il numero di dipendenti in forza, il numero dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato e le assunzioni previste sono sicuramente un dato rilevante ma parziale, in quanto non pubblicizzano che l’80% dei lavoratori, non di certo per scelta, ha un contratto a tempo parziale di poche ore a settimana con l’obbligo di prestare servizio in orario notturno e domenicale/festivo.

Tirando delle conclusioni la Cgil punta il dito sull’alto tasso di precarietà del lavoro offerto dalla multinazionale del fast food, perché è certo che chi lavora alla McDonald’s ha uno stipendio molto ridotto viste le ore esigue di lavoro e l’impossibilità di avere il tempo necessario per la cura dei propri affetti e della propria salute psicofisica. Sicuramente si cadrà nei luoghi comuni di retorica, sensazionalismo e strumentalizzazione, come sempre accade  quando si discute di diritti fondamentali e di lavoro, ma come sempre saranno fuori luogo e senza alcuna utilità. La Filcams Cgil infine dichiara che sarebbe meglio discutere di piano industriale, di investimenti, di aperture previste, di prospettive occupazionali e arrivare a un reale confronto in tema di qualità occupazionale, rappresentato dalla contrattazione di secondo livello.

Lascia un commento