Marketplace articolisti

0
113

Negli ultimi mesi si sono moltiplicate le opportunità di lavoro per gli articolisti che rappresentano la risorsa principale nella produzione di contenuti per il web. Le opportunità provengono dai cosiddetti “marketplace” per articolisti: piattaforme di produzione di contenuti retribuiti a cui si accede tramite una registrazione.

Dopo la registrazione, l’articolista ha la possibilità di scrivere contenuti tematici ricevendo un compenso fisso. L’idea è allettante, i compensi un po’ meno, ma comunque scrivendo tutti i giorni una quantità infinita di articoli si può portare a casa un piccolo stipendio, anche part time.

La maggiore criticità di queste piattaforme o marketplace è dovuta all’elevatissimo numero di iscrizioni che hanno ridotto la possibilità di vedersi assegnati dei contenuti su cui scrivere.

Tra queste piattaforme occorre segnalarne due: Melascrivi e Wikioexpert. La prima  si propone come punto di incontro tra coloro che cercano contenuti per i loro siti e coloro che li scrivono. Il compenso per ogni articolo assegnato si aggira sugli otto centesimi di euro a parola, da cui vanno escluse alcune parole come preposizioni, particelle,  ripetizioni, ecc.

In brevissimo tempo la piattaforma si è saturata e i nuovi articolisti iscritti difficilmente trovano nuovi temi su cui sviluppare degli articoli.

Passiamo alla seconda piattaforma: Wikioexpert. Lanciata in Italia lo scorso marzo, in versione beta, cioè sperimentale, appartiene al notissimo gruppo Wikio e permette, previa registrazione e scrittura di un primo articolo libero, cioè non pagato con un compenso fisso e non assegnato dalla redazione, di essere ammessi a scrivere articoli su titoli proposti dal sito,  con compenso fisso o variabile, in una determinata categoria tematica.

I compensi vanno da 2 euro fissi più una parte variabile, a 4 euro fissi e per chi scrive 10 articoli nella stessa categoria, fino a 6 euro fissi.

Attualmente, però, a causa dell’elevato numero di iscritti, è molto difficile trovare articoli con compenso fisso,  se ne trovano pochissimi e sembra che stiano scomparendo anche quelli con compenso variabile. Ma siamo in periodo di ferie, il gruppo Wikio è noto per essere uno tra i più seri e affidabili del web. Lo staff, infatti, ha annunciato delle novità per settembre. Gli articolisti aspettano con ansia, perché, purtroppo, la crisi del lavoro colpisce anche chi scrive.

 

Fonte immagine: corsi-web.com