Manovra: piace o non piace?

0
274

PuntoInterrogativoTra poco più di un’ora anche la stampa italiana avrà il “piacere” di conoscere, nei minimi particolari, la nuova manovra finanziaria.

Intanto il presidente della Commissione Ue, Josè Manuel Barroso,  ha fatto sapere che gli sforzi del governo stanno andando nella giusta direzione, anche se un’analisi dettagliata sarà comunicata in seguito. mentre Tremonti, intervenuto al forum dell’ Ocse a Parigi ha dichiarato: “L’Italia ha fatto una scelta molto chiara, quella di salvaguardare i livelli di stato sociale e di operare forti riduzioni di spesa dei governi centrale, regionale e locale”. Un giudizio positivo arriva anche da Standard & Poor’s, che vede il provvedimento come un «sostegno» all’attuale rating del Paese.

Ma a quanto pare in Italia, non tutti sono concordi sulla manovra, in primis l’opposizione che hanno espresso perplessità sul testo approvato ieri dall’ esecutivo, in particolare Di Pietro chiede le dimissioni del governo, visto che la manovra colpisce solo i ceti bassi della società.  Seguono poi, ‘ ANM, l’ Associazione Nazionale dei magistrati, che ha già proclamato per il prossimo 29 Maggio uno stato di agitazione. Anche Fini prende la parola che afferma “In questo difficile quadro, continuano a pesare i nostri ritardi cronici rappresentati soprattutto dall’incapacità di selezionare adeguatamente, nel rigoroso rispetto dei vincoli di bilancio, quegli interventi pubblici necessari per la soluzione dei nodi strutturali che affliggono ancora moltissime aree territoriali del nostro Paese, e, in particolar modo, del Mezzogiorno d’Italia”.

Lascia un commento