Legge di Stabilità, nuove Tasse sulla Casa e non solo

0
189

Ecco che prima di terminare l’anno ci fanno il regalo di Natale con la nuova Legge sulla Stabilità che prevede novità in campo di fisco, casa e immobili .

Per quanto riguarda le tasse, il 2014 sarà l’anno della nascita della nuova imposta comunale: la Iuc.

Sarà un trio questo tributo composto dalla vecchia e tanto discussa Imu, la nuova Tasi sui servizi indivisibili dei municipi che a sua volta unirà la Tares, e infine la Tari, che sostituisce quella tassa appena nata e appena pagata sui rifiuti.

La Tasi parte da una base dell’uno per mille che però già nel 2015 arriverà ad essere del sei per mille sulla prima casa e dell’1,06% sulla seconda casa.

Se la casa è in affitto la Tasi verrà pagata anche dall’inquilino in percentuale che varia dal 10 al 30% a discrezione del comune. L’Imu sarà deducibile al 30% dall’Irpef e Ires per le imprese e il suo pagamento slitta al 24 gennaio. Attenzione che se l’immobile è rurale, è esente da Imu.

Per quanto riguarda gli affitti, dall’anno prossimo sarà vietato pagare l’affitto con soldi contanti. Questo per evitare che ci siano contratti in nero, e che questi siano correttamente registrati e tenuti sotto controllo.

In caso di passaggio di proprietà l’imposta di registro scende dal 3% al 2%, calcolato sul valore congruo ai fini fiscali, in caso di prima casa. Mentre le imposte ipotecaria e catastale si pagano in quota fissa di 50 euro. Se però l’immobile viene acquistato direttamente dal costruttore in regime Iva, le imposte di registro, catastale e ipotecaria costano 200 euro l’una.

Prolungato per tutto il 2014 l’ecobonus per le ristrutturazioni per il risparmio energetico, quindi la detrazione Irpef e Ires del 65% sugli interventi per il risparmio energetico degli edifici, è stata prorogata fino al 31 dicembre 2014.