Lavoro: troppi contratti, bisogna snellire

0
100

Troppi contratti, bisogna snellire l’attuale legislazione.

E’ questo il nuovo allarme lanciato dalla Cgil che in una nota fà sapere che sul mercato dli lavoro va razionalizzata la legislazione che riguarda i contratti visto che ne esistono 46 diverse modalità di entrata e permanenza in azienda.  Sono queste le premesse con cui il sindacato si prepara all’ incontro con il governo che partirà dopo l’Epifania e riguarderà proprio il mondo del lavoro in cui il presidente del Consiglio, Mario Monti, e il ministro del lavoro, Elsa Fornero, hanno dichiarato di voler mettere mano.

L’ obiettivo del neo governo sarà quello di aumentare la flessibilità e facilitare l’accesso al mercato del lavoro per i più giovani, ma anche la riduzione dei lavoratori che devono accontentarsi di una lunga situazione di precarietà.

 

Claudio Treves, responsabile del dipartimento Mercato del lavoro della Cgil, spiega: Esiste “Una flessibilità che non ha pari in altri ordinamenti, fatta di 46 vie diverse per entrare nel mercato del lavoro, divise fra rapporti di lavoro subordinati, para subordinati, speciali e autonomi, e che determinano un’eccessiva flessibilità in entrata che potrebbe limitarsi a 5 tipologie”.