Lavoro part time: ecco di cosa si tratta.

0
465

lavoro-part-time

Impossibile non aver mai sentito parlare di lavoro part time, è probabile che a qualcuno di voi sia stato richiesto di scegliere in fase di colloquio fra un orario full time e part time. Si, ma di cosa si tratta?

Sostanzialmente attraverso il lavoro part time le aziende offrono al dipendente un lavoro a tempo ridotto, spesso dimezzato rispetto agli orari di lavoro normali.

Con il decreto legislativo del 2000 ( il 61/00 ) anche l’Italia assimilava la direttiva europea sul part time che ne avrebbe incentivato l’uso e l’applicazione. Nel 2003 con nuovi ritocchi la regolamentazione dei contratti part time si è fatta più svantaggiosa nei confronti dei lavoratori, in special modo relativamente alla tutela dei contratto nazionale di categoria.

In ogni caso il contratto in questione può  essere applicato a qualunque professione e lavoro che esso sia gestito da contratto a tempo determinato o che si tratti di un contratto formativo di apprendistato o di inserimento.

I contratti part time, per dirla all’italiana a tempo parziale, potranno essere di tre tipologie diverse:

  • a carattere orizzontale – in questo caso l’orario giornaliero è ridotto rispetto alla norma. Si potrebbe passare da sette ore a cinque ore giornaliere;
  • a carattere verticale – si tratta di una casistica diversa. Nello specifico il lavoro sarà svolto a tempo pieno ma solo per und eterminato periodo. Tre giorni consecutivi alla settimana, cinque mesi all’anno etc;
  • a carattere misto – questa situazione si verifica quando nel contratto part time si sommano alcuni elementi del part time orizzontale e verticale.

Come facilmente si potrà immaginare il trattamento e l’inquadramento di un lavoratore a tempo parziale e a tempo pieno sono sostanzialmente diversi sotto molteplici aspetti:

  • retribuzione;
  • diritti del lavoratore commisurati all’orario del lavoro;
  • periodo di prova;
  • ferie;
  • tutela della sicurezza e della salute;
  • accesso ai servizi offerti dall’azienda;
  • accesso ai diritti sindacali;
  • maternità, malattia, infortunio, trattamento previdenziale.

Il contratto part time, che oggi regolamenta una buona fetta del mercato lavorativo propone anche dei vantaggi per il lavoratore. Si tratta di una forma contrattuale spesso scelta dalle madri di famiglia, o dagli studenti, che lascerà spazio ad altre attività non solo lavorative all’interno della giornata. Il prezzo da pagare per questa libertà? Le rinunce di cui abbiamo detto sopra.