Lavorare su Italo, 650 assunzioni in corso

0
175

Italo è il nome delle flotta di 25 treni ad alta velocità appartenenti alla compagnia ferroviaria privata NTV Spa, dove NTV sta per “Nuovo Trasporto Viaggiatori”. La società, fondata nel 2008, rappresenta una rivoluzione del campo dei trasporti ferroviari nazionali, che per la prima volta diventano effettivamente oggetto di privatizzazione. Presso una simile realtà è possibile trovare anche delle opportunità di lavoro.

Lo scorso marzo, infatti, la compagnia ha avviato la selezione per 650 hostess e steward da adibire al servizio di accoglienza sui treni Italo. Le selezioni si sono aperte con un test di preselettivo che ha permesso di individuare i candidati ammessi alla seconda fase del processo di recruitment.

Le opportunità di lavoro su Italo, però, non finiscono qui. Sul sito ufficiale della società e precisamente nella sezione dedicata alla offerte di lavoro: www.ntvspa.it/it/nuovo-trasporto-viaggiatori/91/4/selezione-personale-nuovo-trasporto-viaggiatori, sono presenti gli ultimi annunci per le posizioni disponibili.

Le figure ricercate sono: operatori di impianti abilitati, appartenenti alle categorie protette, ispettorato e controllo di qualità, coordinatore operativo impianti, coordinatore operativo NTV e coordinatore operativo di produzione. Per candidarsi alle prime tre posizioni bisogna avere rispettivamente un’età compresa tra 22 e 30 anni, 18 e 35 anni e 25 e 32 anni.

Le posizioni descritte prevedono, tra l’altro, il possesso di un diploma tecnico, scientifico o della laurea, la conoscenza della lingua inglese, la disponibilità a lavorare su turni, il possesso di patenti speciali e specifici requisiti sanitari. Più elevati i limiti di età per candidarsi alle posizioni di coordinatore, in cu si richiedono figure con età fino a 40 e 50 anni e con esperienza pregressa nel ruolo. Per ulteriori informazioni e per candidarsi alle offerte di lavoro di NTV Spa, basta selezionare le singole schede con gli annunci di lavoro ed inviare il Cv online.

Fonte immagine: adnkronos.com