Lavorare in Svizzera: quello che devi sapere

0
114

lavorare - svizzeraPensate di cercare lavoro in Svizzera? Nessun luogo vi pare migliore per dare inizio alla vostra carriera? Ecco alcune cose da sapere:

  • Grazie all’accordo per la circolazione delle persone e dei professionisti, in Svizzera vi riconosceranno la grande maggioranza di titoli di studio o professionali acquisiti altrove.

In molti casi questo genere di riconoscimento avviene direttamente, senza nessun bisogno di lunghe procedure e di pantani burocratici. In casi più rari capitare che le autorità abbiano necessità di verificare l’equivalenza fra titoli svizzeri e le qualifiche da voi possedute . Questo accade esclusivamente quando l’esercizio di una mansione è strettamente connesso al possesso di un diploma, di una laurea o di un certificato.

Per chiunque possieda qualche dubbio in merito, potrà rivolgersi all’ufficio preposto, l’Ufficio nazionale di Contatto.

  • E’ regola che chiunque lavori in Svizzera debba essere “coperto” da una polizza di disoccupazione.

Per metà questa dovrà essere pagata dal datore di lavoro, e il sussidio potrà essere percepito solo da chi effettivamente risiede nella Repubblica Elvetica. L’ammontare è determinato al  70% dei guadagni medi dei sei mesi precedenti. Se si possiedono figli la percentuale potrebbe aumentare, raggiungendo fino all’80%.

Requisito fondamentale per ricevere il sussidio di disoccupazione è l’iscrizione all’ufficio di collocamento e l’aver versato contribuiti per la polizza, almeno nei 12 mesi precedenti.

  • In relazione al versamento dei contributi,  l’avveduta Svizzera, ha pensato bene di stringere accordi bilaterali con più di uno stato; fra questi è presente anche l’Italia.

Se un lavoratore Italo Svizzero ha versato i suo contributi AVS in Svizzera, potrà ottenere una pensione svizzera, fintanto che resterà in Svizzera.

E’ possibile essere esentati dal versamento di questi contributi, qualora si dichiari di lavorare in Svizzera si, ma per periodi limitati.

  • Se invece state pensando di svolgere in Svizzera  una professione autonoma, ricordate che è fondamentale possedere il permesso C, ossia il permesso di domicilio.

A conclusione vi indichiamo il sito dell’Ufficio di Collocamento del Canton Ticino, servizio utile per un rapido inserimento dei disoccupati svizzeri e non.