Lavorare in Ferrari, in arrivo oltre 250 posti di lavoro

0
546

Da notizia ANSA, la storica casa automobilistica di Maranello nei primi mesi del 2013 ha avuto un più 4% sulle vendite di autovetture.

La Ferrari, infatti nel corrente anno, ha al suo attivo la vendita di 1800 auto, inoltre prevede l’assunzione di 250 lavoratori a breve termine, di cui 100 sono presenti già in azienda.

La notizia è stata data da Luca Cordero di Montezemolo che spiega quanto riportiamo: “Avremo un incremento del 20% nell’area dei nostri occupati, una bella notizia che spero sia di buon auspicio per il paese”.

Il Presidente con queste parole continua ad informare “investiremo 100 milioni di euro in ulteriori miglioramenti degli stabilimenti e delle aree di lavoro“, assicurando che ci sarà “forte collaborazione” con Maserati e “possibilità di collaborazioni in vista” anche con Alfa Romeo e il continuo legame con Pininfarina.

Nonostante il notevole aumento di vendite il presidente Montezemolo afferma di voler ridurre la produzione di auto sotto le 7000 unità, in quanto asserisce di avere questo obiettivo: “Vogliamo essere un’azienda che può dimostrare che, producendo e vendendo meno, è in grado di portare anche utili maggiori” ribadendo che “la nostra esclusività è fondamentale per il nostro valore sul mercato“. Con questa decisione, diciamo controcorrente, il presidente di Maranello ha come intento quello di mantenere il valore dell’usato, infatti spiega che ci saranno “concorrenti che ne approfitteranno, ma questa è una scelta che ho imparato da Enzo Ferrari: è lungimirante per rafforzare ulteriormente il nostro mercato“, conclude il suo discorso con queste parole: “chi compra una Ferrari compra un sogno e deve avere la certezza, anche con i fatti, di esaudire un sogno di esclusività“.

Alcune offerte di lavoro che potrebbero interessarti:

– Lavoro NTV, nuove 93 assunzioni da Italo. Invia il CV

– 7 lavori molto ben pagati che non ti aspetti CLICCA QUI

– Ferrovie dello Stato assume, chi cercano e come candidarsi CLICCA QUI

Fonte ANSA

Lascia un commento