Lavorare come traduttori

0
162

La traduzione è un’attività meramente intellettuale che consiste nel riscrivere in un’altra lingua, un testo originariamente prodotto con un altro idioma. Nel lavoro di traduzione dunque si realizza un passaggio da una lingua all’altra. Oggi, forse, il mercato dei traduttori è già saturo, ma queste figure possono sempre trovare una qualche collocazione professionale, anche proponendosi come lavoratori autonomi o come freelance.

Per lavorare e per proporsi come traduttori sarebbe necessaria almeno una laurea in lingue e letterature straniere( arricchita magari da master e corsi di traduzione), per il resto, saranno l’ottima conoscenza di una specifica lingua straniera, il talento e la fortuna a decidere il destino del traduttore.

Occorre ricordare che per offrire un servizio di traduzione professionale occorre tradurre sempre verso la propria lingua madre e mai verso la lingua straniera. Solo un madrelingua è, infatti, in grado di interpretare al meglio il significato di un testo in lingua originale.

Inserirsi nel mercato del lavoro delle traduzioni è molto difficile, specie in tempi di crisi e di elevata concorrenza. I primi passi per lavorare come traduttori sono duri, come per qualsiasi professione. Si inizia offrendo traduzioni gratuite, sperando di farsi conoscere ad una platea di potenziali clienti. Un’ottima vetrina promozionale può essere quella di creare un blog personale in cui si inseriscono dei documenti tradotti da altre fonti( abbiate cura di indicare nel testo il link alla fonte originale).

Il secondo passo sarà quello di rispondere agli annunci di lavoro sul web. Nei forum per webmaster dedicati alla ricerca di figure che operano nel settore dei contenuti editoriali si cercano anche traduttori. Sappiate però che i prezzi offerti per traduzione sono davvero stracciati. Alcuni traduttori freelance offrono traduzioni per un euro e cinquanta centesimi a documento, davvero pochi per sperare di poter vivere di traduzioni.

Un’alternativa seria e professionale per questo lavoro può essere quella di iscriversi al registro dei periti del Tribunale autorizzati ad effettuare traduzioni giurate su atti giudiziari e titoli di studio di soggetti stranieri che per vari motivi devono trasferirsi in Italia.

Il mercato dei traduttori può offrire delle opportunità nel campo delle lingue arabe( marocchino, algerino e tunisino), nelle lingue dell’est europeo e nel cinese, ovvero lingue che interessano milioni di immigrati che per lavoro si trovano ad operare in Italia.

Fonte immagine: Lavoro-formazione.it