Istat: disoccupazione giovanile “tragica” in 6 Regioni

0
288

giovani imprenditoriDopo il “duello” a distanza avvenuto il primo maggio tra PierLuigi Bersani e Silvio Berlusconi, ora è Confartigianato  a dare i dati, molto preoccupanti, sulla disoccupazione giovanile.

Avevamo già parlato della disoccupazione e del suo aumento, il più alto dal 2002, con una perdita di 367mila posti di lavoro, oggi l’ Istat ha diffuso i dati riguardo allo specifico del lavoro giovanile e quindi della dicossupazione, secondo cui nel 2009 in sei Regioni il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni è arrivato a superare la soglia del 30%. Nemmeno a dirlo le Regioni sono sempre le stesse, si tratta delle isole, con la Sardegna a +44,7%, la Sicilia  con il + 38,5, alle quali si aggiungono la Basilicata  con il +38,3, la Puglia  con il +32,6%, la Calabria con il +31,8% e il Lazio  con il +30,6%.

Le Regioni che invece presentano il tasso più basso di disoccupazione giovanile sono la  Toscana (17,8%), la  Valle d’Aosta (17,5%), il Veneto (14,4) e il Trentino-Alto Adige (10,1).

Lascia un commento