Indesit, None di nuovo a rischio

0
264

Torna l’incubo chiusura per gli stabilimenti italiani di Indesit. Come tre anni fa, anche questa volta i primi a tremare sono i lavoratori dello stabilimento di None, nel torinese, visto che l’azienda ha manifestato l’intenzione di spostarsi in Polonia. L’azienda, infatti, ha parlato di queste nuove intenzioni durante la riunione con i sindacati europei a Roma e solo il prossimo 18 Aprile ne sapremo di più, quando, cioè, si aprirà il confronto con sindacati italiani sul futuro della fabbrica. Intanto i circa 400 operai sono già entrati in sciopero e hanno bloccato la statale che passa proprio davanti allo stabilimento mentre Fim, Fiom e Uilm hanno proclamato lo stato di agitazione di tutto il gruppo.

Vittorio De Martino, Fiom Torino, spiega che onde evitare altre rotture l’azienda dovrà rispettare l’accordo preso tre anni fa che prevedeva il mantenimento dello stabilimento di None. Intanto anche i lavoratori di Marche e Campania cominciano a preoccuparsi sul loro avvenire.

 

 

Lascia un commento