Indagine Adecco: amore che aumenta la produttività

0
468

amore ufficio

La ricerca Adecco rompe molte delle convinzioni valide fino a ieri e ben si adatta al periodo tutto amore e cuoricini. E’ proprio qualche giorno prima dei festeggiamenti di San Valentino 2011 che l’agenzia interinale ha pubblicato un’indagine dai risultati che fanno sorridere: l’amore in ufficio non è motivo di distrazioni quanto piuttosto aumenta la produttività dei dipendenti.

L’indagine sottolinea come vivere una serena vita di coppia regali ai dipendenti aziendali una maggiore voglia di lavorare, e dunque implicitamente garantisca all’azienda maggiore produttività.

Il campione di ricerca composto da 1000 dipendenti  e 100 responsabili del settore risorse umane ha dimostrato che il sentimento amoroso e una gioiosa vita di coppia regala performance lavorative migliori.

Il motivo è semplice e ben riconosciuto anche dai lavoratori che per un abbondante 80% lo considerano come fonte di serenità e stimolo a lavorare meglio. In fondo la considerazione è facilmente analizzabile: chi vive una relazione stabile e felice è certamente meno soggetto a quelle tipiche ansie, malumori, distrazioni di vario genere che in alcuni casi caratterizzano la vita dei single, permettendo in ambito lavorativo una maggiore concentrazione e produttività.

A credere maggiormente nel benefico effetto che i rapporti amorosi regalano sul posto di lavoro sono i trentenni, meno i quarantenni e gli over cinquantenni.

Altro dato interessante che salta fuori dalla ricerca Adecco è relativo ai rapporti con i colleghi di lavoro che paiono migliori e di pià semplice instaurazione per i dipendenti in coppia, questo per lo meno a detta dei 100 responsabili delle risorse umane. Secondo i 1000 dipendenti intervistati nulla cambia nelle relazioni fra colleghi di lavoro sia che si sia single sia che si sia in coppia.

Infine l’ascesa al potere. In questo campo gli innamorati, i fidanzati, gli sposati perdono colpi: il 60% degli intervistati dichiara che la carriera è cosa da single!

Lascia un commento