Forze Armate: Congedo a 50 anni con la pensione piena. E’ bufera

0
127

 

Lo scandalo dello “scivolo d’oro“, lo possiamo chiamare così, viene portato a galla da un veterano ufficiale che vuole restare nell’anonimato e che parla al Corriere della Sera raccontanti della riforma voluta da Giampaolo Di Paola:

“Mi dica lei se in un Paese di esodati e precari possiamo portare avanti un testo del genere: è uno scivolo d’oro, come diavolo si fa a spiegarlo alla gente?”.

Ecco beh è semplice, non si spiega alla gente, non si spiega che è sempre tutto a carico loro, che la riforma prevede che 35 mila uomini verranno sottratti alle forse dell’ordine in 12 anni, e le modalità saranno quelle del passaggio ad altro ministero o il prepensionamento, ma sopratutto sarà l’esenzione al servizio.

Cos’è l’esenzione al servizio? Lo spiega bene il Corriere:

Dai 50 anni in poi (dieci anni prima del congedo) si può entrare in un magico limbo, lo «scivolo d’oro» appunto, grazie al quale si conserva l’ottantacinque per cento dello stipendio senza lavorare più nemmeno un solo giorno, con tanto di pensione piena; non è esclusa neppure la facoltà di fare altri lavori (il reddito non si cumula). Questo bonus decennale per le forze armate in (libera) uscita verrà inserito nel codice dell’ordinamento militare a meno che Camera e Senato non si mettano di traverso in modo plateale.

Assurdo e soprattutto insensato. Un operaio un impiegato devono lavorare fino alla vecchiaia mentre grazie a questa riforma un addetto alle forze armate, a 50 anni potrebbe andare in “ritiro“, prendere una pensione e continuare comunque a lavorare senza problemi….

A parlare contro la riforma è Gian Piero Scanu, capogruppo pd in commissione Difesa: Quando ho visto quella norma, ho fatto tre salti sulla sedia! Così com’è non passerà. Non è un articolo di legge, è una provocazione“.

Mentre a favore c’è Domenico Rossi, ex generale e adesso deputato di Scelta civica: “Però, ci pensi, è la via d’uscita della generazione delle missioni, i cinquantenni di adesso avevano 35 anni in Kosovo. Non è che si possono mandar via così“.

Ecco cos’è la riforma “scivolo d’oro”, difficilmente se ne sentirà parlare ma quando verrà fuori farà sicuramente imbestialire i cittadini….

…e come diceva Totò: “Ed io pago!”