Facebook tra social e professional

0
123

Che Facebook si stia trasformando in un social professional lo abbiamo già detto in più di una circostanza, oggi vogliamo parlare di tutte quelle applicazioni che concretamente possono aiutare il giovane disoccupato e inoccupato a trovare lavoro tramite il social network o per lo meno a rimanere sempre informato sul mondo lavorativo.

L’e-recuitment d’altronde si sta sempre più orientando verso le piattaforme sociali e si stima che presto Facebook metterà in seria difficoltà anche strumenti dell’entità di Linkedin dato che a differenza di qualsiasi altro servizio a disposizione gratuita dell’utente, è una vera e propria miniera di informazioni.

Le applicazioni

Ad oggi le applicazioni proposte al recruting online, nuova tendenza del mercato del lavoro, sono numerose e consentono il classico incontro fra disoccupato e potenziale datore di lavoro online. Il più delle volte offrono all’utente la possibilità di scindere nettamente il proprio profilo tra professionale e di socializzazione e regalano la possibilità di moltiplicare esponenzialmente la possibilità di contatti lavorativi. E’ quel che fa ad esempio BranchOut che mette in contatto reclutatori e utenti alla ricerca di lavoro. L’applicazione permette di importare tutti i contatti che si hanno nelle più famose reti di socializzazione online: facebook, linkedin ma anche twitter, aggiornando giorno per giorno il proprio profilo professionale. Questo sarà elemento fondamentale per essere trovato fra i tanti da chi ogni giorno spulcia profili nella rete per trovare quello che faccia al caso proprio.

Molto simile è anche l’applicazione Beknown, che conta fra i suoi utenti ben 760 profili e che si associa a Monster.

Interessanti e tutte da scoprire anche le applicazioni Talent.me e Connect.me