Facebook: come trovare lavoro e personale

0
53

L’abbiamo già detto: il potere dei social network va ben oltre la capacità di farci divertire o di consentire la condivisione della nostra vita a 360 gradi. Il recruiting sta ad esempio diventando un aspetto che ben si adatta non tanto con Linkedin come ci si sarebbe aspettato, quanto piuttosto con Facebook, più frequentato per lo meno in Italia non solo da giovanissimi, ma anche da professionisti.

A darci un’idea più chiara del potenziale Facebook ci pensa una bella infografica firmata Mashable nella quale tanto per cominciare si nota come una gran parte delle persone che sono alla ricerca di lavoro, in quest’ultimo anno hanno sfruttato Facebook per trovare nuove occasioni e nuovi contatti: parliamo del 63% delle persone che possiedono un profilo FB.

Le aziende che sono online e hanno aperto un profilo nel famoso social network stanno infatti iniziando ad utilizzare lo spazio virtuale per pubblicizzare le proprie attività e per ricercare personale quando necessario.

I dati

D’altronde la logica è ben chiara. Ancora l’infografica ci comunica che:

  • gli fra tutti gli utenti che navigano in internet l’85% possiede un profilo fb e che il 74% di questi lo visita tutti i giorni;
  • facebook è il sito più visitato secondo solo, per traffico a Google;
  • il 58% degli utenti segue le evoluzioni di un brand, che in diverse situazioni compare negli aggiornamenti di stato.

Ma i dati interessanti non finiscono qui:

  • chi cerca lavoro ha per l’84% un profilo su Facebook e una persona su cinque ha aggiunto qualche informazione professionale in quest’ultimo anno.

Conclusioni

Una volta analizzati i dati appare chiaro perché le aziende stiano usando il social network come ottimo strumento di recruiting, grazie soprattutto alla creazione di semplici pagine aziendali, che si dimostrano ben utili anche nel caso di professionisti freelance che cercano collaboratori occasionali o clienti.

Quel che conta è che la pagina sia semplice e facilmente leggibile, che ogni giorno vengano pubblicati dei contenuti nuovi e interessati. Per invogliare ancor di più i lettori a partecipare si possono inaugurare quiz, questionari e perché no, anche contest.