Entra nel business del calcetto

0
763

Calcetto

E quando mai andrà in crisi il mondo del calcetto? Impossibile non avere almeno un amico patito di questo sport e le statistiche lo rivelano molto chiaramente: si tratta di un’attività in costante crescita. Vi giocano giovani e meno giovani a qualsiasi livello dedicandosi con impegno e costanza all’attività sportiva che li appassiona. Unire l’utile al dilettevole? Perché no? L’amore per il calcetto e la diffusione dello sport danno a questo  business sportivo ottime possibilità di riuscita.

La buona parte di voi lo saprà già, ma i campi da calcetto sono in tutto e per tutto similari a quelli del calcio, solo ospitano dai 7 ai 5 giocatori piuttosto che 11 e possiedono delle dimensioni leggermente ridotte. La copertura potrà essere in erba sintetica e più raramente in naturale, diffidate invece da quelli in asfalto tremendamente pericolosi. Il campo potrà essere dotato anche di una copertura superiore e seppure il costo per questa sciccheria sarà non da poco, l’investimento potrà essere rapidamente ammortizzato dato che il campo potrà essere utilizzato in qualsiasi stagione e condizione climatica.

Il consiglio che diamo a chiunque intenda avviare un campo da calcetto è quello di valutare il mercato che lo circonda. Si potrebbe ad esempio considerare il numero di campi già presenti in zona, o la passione per il calcetto e calcio nella zona.

In ogni caso l’investimento rimane appetibile: sono 2,5 milioni gli italiani che almeno una volta alla settimana (e spesso anche due) non rinunciano proprio ad una partita di pallone. Seppure i costi iniziali sono cospicui il ritorno economico e le soddisfazioni non mancano. Non bisogna infatti dimenticare che i costi di gestione del campo non sono troppo alti, e presto, ripagato l’investimento iniziale si potrà partire con il guadagno. Gestire un campo sportivo inoltre è un’attività rilassante e piacevole, ovviamente per chi ha la passione. Si resta a contatto con la gente e con il mondo dello sport.

Il nuovo imprenditore, presa la propria decisione di buttarsi nel mondo degli affari, dovrà scegliere fra diverse opzioni:

scegliere per un campo in erba o decidersi per il sintetico o l’asfalto. Dovrà decidere se realizzare un campo coperto (indor)  e se offrire servizi aggiuntivi alla propria clientela quali ad esempio scuole di calcetto per giovanissimi, tornei, tornei specifici, bar etc.

Il segreto del successo sta nella giusta localizzazione del campo (poca concorrenza, possibilità di parcheggio etc), nella buona promozione e nella capacità di sfruttare le potenzialità della struttura sportiva che si sta aprendo.

Per ottenere maggiori informazioni puoi visitare questo link: http://www.creaimpresa.it/kite.aspx?id=53

Lascia un commento