Diventare ottico

0
109

occhiali-vista-4L’ottico o optometrista si occupa di fornire occhiali ed apparecchi visivi per ipovedenti o per motivi estetici, non è un oculista, cioè  un medico a cui spetta la diagnosi e la cura delle malattie degli occhi.

Quella di ottico  è una professione sanitaria non medica.

L’ottico può aprire un negozio per la vendita di occhiali e lenti o lavorare in un laboratorio  per adattare le lenti alle montature.

Questa professione non è ancora riconosciuta dallo Stato, infatti, per diventare ottico l’università non serve e non basta.

Si deve frequentare la scuola di Ottica che con un percorso triennale permette di ottenere la qualifica di operatore meccanico del settore ottico.

Con  l’ulteriore percorso biennale, si accederà all’esame di Abilitazione ed all’esame di Stato che permette l’accesso all’università.

L’ esame di stato non è necessario per chi lo ha già conseguito presso altro istituto superiore.

La qualifica triennale permette di lavorare come dipendente di laboratori di ottica.

Per essere autorizzati a svolgere la professione bisogna, però, sostenere anche l’esame  di abilitazione all’Arte Sanitaria di Ottico, tenuto sempre presso le Scuole di Ottica ed Optometria.

All’esame di qualifica  possono iscriversi anche diplomati e studenti universitari che abbiano già lavorato in un laboratorio privato.

Il termine per le iscrizioni è il 30 novembre. Questo percorso corrisponde a l’aver frequentato i 3 anni della scuola di Ottico. 

L’avvio di un’attività in proprio come ottico, lo ricordiamo, può avvenire solo dopo aver superato il secondo esame, ovvero quello di abilitazione a cui si accede dopo aver frequentato il biennio di specializzazione.  Il termine per le iscrizioni è il 30 agosto.

Per maggiori informazioni si può consultare il portale degli studenti di ottica.

Fonte immagine: www.otticaraineri.it