Crisi, entrate tributarie minori del previsto

0
287

I conti in Italia continuano ad andare male. Nonostante la pressione fiscale sia ormai alle stelle e, lasciatemelo dire, fuori controllo, sembra che le casse dello Stato non siano piene come dovrebbero essere.

Nonostante in termini assoluti i conti vadano meglio sembra che nei primi mesi di questo 2012 da dimenticare, le entrate tributarie siano inferiori di 3.477 milioni di euro rispetto alle previsioni annuali contenute nel Def, ovvero il Documento di Economia e Finanza.

A lanciare l’allarme è la Ragioneria dello Stato che evidenzia una differenza del 2,9%. Il dato è ancora più preoccupante alla luce delle nuove emergenze del nostro Paese e del fatto che non solo il terremoto avrà effetti sul Pil ma anche sulle entrate tributarie e le uscite per la ricostruzione.

Come un cane che si morde la cosa, poi, secondo il rapporto 2012 sul coordinamento della finanza pubblica della Corte dei Conti, la crescita è frenata dalla pressione fiscale che in Italia resta elevata spingendo al massimo il rischio di un ulteriore rallentamento dell’economia, ancora ferma al palo.

 

Lascia un commento