Credito Cooperativo presenta Distilleria Varnelli, una storia vera

0
130

Quando un’azienda racconta la sua storia, la sua esperienza è sempre un punto di partenza per coloro che vogliono investire nel proprio futuro, ed è da qui che parte la nuova campagna di comunicazione 2015 del Credito Cooperativo Non inventiamo storie. Ne abbiamo tante vere da raccontare”.

Dal 16 marzo per 20 settimane, attraverso un marketing narrativo, passano per il web le storie vere di vita vissuta di aziende che hanno investito e credono nell’essere soci di BCC, proprio come la storia della Distilleria Varnelli.

Quella della Distilleria Varnelli è una storia che nasce nel 1868 alle pendici dei Monti Sibillini dove un uomo, Girolamo un erborista, grazie alle erbe e radici medicamentose che trova nella sua terra, inventa la ricetta di un amaro con proprietà benefiche: l’“Amaro Sibilla”che divenne in seguito una vera leggenda.

Campagna di Comunicazione

Da lì alla produzione di altri liquori come il Varnelli anice secco speciale che venne premiato poi nel 1950 con la Medaglia d’Oro all’Esposizione Nazionale di Vini e Liquori, il passo è breve a Girolamo si ritrova a lasciare l’eredità della sua azienda prima al figlio e poi alle tre nipoti, tre donne che portano avanti la società con valori e passione, rispettando il motto del padre: un’azienda non è solo di chi ne abbia la proprietà, ma è patrimonio dell’ampia comunità che con l’azienda interagisce a vario titolo ed i cui destini anche da essa dipendono.

E con questi valori radicati nella mentalità aziendale entra a far parte anche BCC che opera con spirito di servizio verso il territorio ed il suo sviluppo sostenibile, sempre disponibili ogni qualvolta sia richiesto impegno e sostegno in iniziative che contribuiscano alla valorizzazione dell’intera area.

L’azienda Varnelli vanta un’ottima qualità di prodotti artigianali e il rispetto della tradizione ma rincorrendo sviluppo ed evoluzione grazie ad investimenti in innovazione, e restando sempre coerente con le proprie radici.

Sono queste storie vere, reali, vissute che fanno la differenza, rendono le aziende in grado di diventare protagonista di una campagna pubblicitaria ad hoc, parole che escono e nascono da chi ha vissuto in prima persona la storia e l’essere soci di BCC.

Non c’è pubblicità migliore del passaparola di persone soddisfatte per incentivare chi vuole diventare socio del Credito Cooperativo, niente frottole, niente paroloni, nessuna invenzione, solo storie vere che fino al 2 agosto saranno disponibili on-line per raccontare situazioni reali che presentano, di volta in volta, l’eccellenza di una relazione, una soluzione innovativa, una risposta non convenzionale alle esigenze delle comunità, che mostra come la BCC sostiene o promuove i suoi clienti.

Ecco la storie di vita di Varnelli raccontata direttamente da chi l’ha vissuta:


Ecco cosa realmente fanno e cosa sono le banche del territorio. La peculiarità di una Banca di Credito Cooperativo è la sua forma partecipativa, è una banca di persone fatta di soci e clienti, di testimoni e di protagonisti e delle risposte di una banca del territorio ai bisogni della sua comunità.

Articolo Sponsorizzato