Consigli per un colloquio vincente

1
716

colloquio2_2

Essere invitati ad un colloquio conoscitivo è già un bel risultato, ma uscire dalla sala nella quale si è tenuto l’incontro con il lavoro in mano è ben altra cosa. Il colloquio non è poi una prova così tremenda, basta semplicemente prepararsi al meglio per dare si se un’ottima impressione.

Ecco alcuni consigli in aggiunta a quelli precedentemente dati, per affrontare al meglio il vostro colloquio di lavoro.

–          Prima ancora di recarsi all’incontro, raccogliete informazioni sull’azienda presso la quale siete stati chiamati. E’ importante avere una precisa idea dello stile, dei prodotti, delle strutture.  Dimostrarsi preparati chiarirà all’interlocutore il vostro reale interessamento e la vostra spigliatezza.

–          Portate sempre una copia del vostro CV, anche se è stato inviato in precedenza all’azienda.

–          Sedetevi solamente quando vi inviteranno a farlo.

–          Anche se sembra ovvio è fondamentale che ascoltiate l’interlocutore, cercando di limitare al minimo le distrazioni. Non sarebbe carino perdere il filo del discorso.

Non dimenticate mai che la prima impressione è quella che conta, soprattutto durante i colloqui lavorativi, dunque a tutti i costi dovrete regalare di voi la migliore che potrete nei pochi minuti a vostra disposizione. Come?

–          Per iniziare non arrivate mai in ritardo! Non presentatevi trafelati, sudaticci ed ansimanti proponendo scuse poco plausibili. E’ invece consigliabile arrivare sul posto con qualche minuto d’anticipo (verificate la strada da seguire in precedenza tramite google maps magari), sereni e sicuri di se.

–          L’abbigliamento è importante; se ne sceglierete uno ordinato e semplice non potrete certo sbagliare.

–          La prima impressione si consolida nei primissimi minuti di conversazione  ( due, tre ), che quindi saranno molto importanti. Normalmente si tratta di quelli tramite i quali si “ rompe il ghiaccio “. Non fatevi percepire troppo tesi od agitati, sorridete e guardate negli occhi l’interlocutore.

Chiaramente se vi trovate ad un colloquio di lavoro, l’interlocutore è interessato alla vostra persona e per meglio conoscerla vi porrà delle domande, alle quali è bene rispondere in maniera concisa ma non limitata.

–          Non rispondete con uno sbrigativo si o no,  ma nemmeno con frasi troppo contorte e lunghe. Siate chiari ed essenziali.

–           Pensare prima di rispondere è cosa da tenere in considerazione. Nessun interlocutore vedrà di cattivo occhio il fatto che voi pensiate prima di parlare.

Presentare i propri titoli e professionalità è fondamentale; infondo verrete scelti soprattutto per quelli. Dunque esponete le vostre capacità e il vostro curriculum in maniera intelligente.

–          Posticipate le lacune e gli ammanchi del vostro CV e presentate da principio le vostre qualità migliori e professionalità di modo da conquistare la fiducia di chi vi sta davanti. Quando vi troverete nella condizione di dover dichiarare di non possedere alcuni titoli, sottolineate la vostra volontà e capacità d’imparare. Non mentite, essere smascherati sarebbe umiliante.

Infine ricordate che

–          E’ bene dimostrarsi attivi e porgere qualche domanda al proprio interlocutore, ma in ogni caso non dimenticate mai di essere voi sotto colloquio.

–          Presentatevi anche ai colloqui per i quali non vi sentite pronti o adatti. Potrete fare delle piacevoli esperienze e conoscenze.