Come verificare la serietà di un annuncio di lavoro

0
83

lavorovalenciaOgni giorno gli annunci di lavoro si sprecano. Ne vengono pubblicati a migliaia, sulla carta e sul web, ma come districarsi  in questa giungla di annunci per trovare solo quelli seri e scartare subito quelli fasulli?

Per prima cosa bisogna fare molta attenzione alla struttura dell’annuncio stesso, a cosa dice, a quello che è scritto, insomma.

Gli annunci con espressioni del tipo “cercasi giovani seri, motivati e pieni di entusiasmo…” sono da prendere con le pinze, specie se non viene specificato il nome dell’azienda o dell’agenzia che effettua le selezioni.

In tal caso gli annunci sono messi da sedicenti imprenditori che , invece dell’entusiasmo, cercano dei veri e propri “fessacchiotti” disposti a lavorare gratis in mansioni commerciali non troppo specificate.

Altra espressione da verificare con molta attenzione: “ Azienda leader a livello internazionale, cerca per ampliamento organico ambosessi…”.

Se non viene specificato il nome dell’azienda è probabile che si tratti della solita iniziativa pseudo imprenditoriale dove si cercano venditori disposti a tutto pur di vendere.

Espressioni del tipo “ compenso commisurato al raggiungimento degli obiettivi” sono da considerarsi serie solo se riferite ad aziende che specificano chiaramente le loro generalità ed il settore in cui operano.

Un annuncio di lavoro è serio quando specifica : nome dell’azienda o dell’agenzia che effettua le selezioni,  tipo di profilo ricercato,  tipo di contratto offerto, eventuale livello di retribuzione,  sede di lavoro,  riferimenti ( anche del responsabile delle selezione del personale) a cui inviare il Curriculum.

Per sincerarsi dell’esistenza dell’azienda intestataria dell’annuncio di lavoro,  si possono anche consultare le visure presso le Camere di Commercio.

Lo si può fare anche on line, digitando il nome del’impresa sul sito www.registroimprese.it .

Se l’azienda non compare vuol dire che non esiste o è un’attività agli inizi, (in fase di iscrizione al REA),  in cui non si prospettano grandi guadagni.

Fonti immagine: viverevalencia.net