Come presentarsi a un colloquio di lavoro

0
302

Il colloquio di lavoro è il passaggio fondamentale  da compiere per poter sperare in un’assunzione. Di solito segue di alcuni giorni l’invio del Cv e spesso, arriva inaspettato, magari dopo centinaia di curriculum rimasti senza risposta.

Per questo, il colloquio, anzi ogni colloquio di lavoro, va studiato e preparato con attenzione. In primo luogo vanno prese delle informazioni sul tipo di azienda, sulla sua attività, sui prodotti e servizi offerti, in modo da apparire perfettamente consapevoli e integrati con le domande poste dai selezionatori.

La seconda tattica è fondamentale: restare calmi e mostrarsi non diciamo sicuri di sé, ma almeno naturali. La terza strategia è lo stile, ovvero l’abbigliamento e il look. Quest’ultimo va studiato tenendo conto della propria personalità e del tipo di lavoro che si andrà a svolgere. In caso di colloquio per un ruolo amministrativo o di addetto di segreteria, andrà bene un abbigliamento casual, con giacca e cravatta per i ragazzi e tailleur da ufficio per ragazze.

Questo stile può essere adottato anche in colloqui di lavoro per posizioni dirigenziali o manageriali. Per ruoli creativi, come grafica pubblicitaria o web, ci si può presentate al colloquio con uno stile semplice, fatto di pantaloni dritti e maglione o camicetta.

Sembrano fesserie, ma spesso l’abbigliamento ha il potere di rilassare il candidato e di determinare le prime positive impressioni del selezionatore. Sconsigliati i look femminili troppo aggressivi o tesi all’esibizione del proprio corpo. Questi, semmai, sono adatti a selezioni per diventare modelle. Gonna stretch e camicetta, infine, possono andare bene  per colloqui tesi a ricoprire il ruolo di  hostess di eventi o di commessa.

 

Fonte immagine: journaldesfemmes.com

Lascia un commento