Come diventare istruttore di fitness: cosa fa, formazione e guadagni

0
182
come-diventare-istruttore-di-fitness
Fonte: Pixabay

Con il lockdown la gran parte delle persone ha pian piano riscoperto i benefici dello sport. E così sono aumentate in maniera esponenziale anche le sessioni di fitness a casa, con esercizi specifici mirati a combattere la sedentarietà.

Gli italiani si sono avvicinati al mondo del fitness in gran numero negli ultimi mesi e molti non vedono l’ora di poter cominciare un’attività sportiva che non sia da svolgere tra le mura di casa. Allo stesso tempo tantissimi si stanno interessando al ruolo di insegnante in questo settore. In questo articolo andiamo ad analizzare proprio come diventare istruttore fitness, tra formazione, compiti e guadagni.

Cosa fa l’istruttore di fitness

Prima di andare a vedere come diventare un istruttore di fitness, meglio analizzare cosa fa questa figura professionale, passandone in rassegna i vari compiti. Come il termine suggerisce, l’istruttore di fitness è colui che “istruisce” i corsisti in qualsivoglia attività di fitness.

Egli si occupa di gestire e guidare le lezioni di fitness, solitamente per gruppi di clienti. Ovviamente vi sono anche casi in cui l’istruttore gestisce allenamenti di singoli individui, seguendoli così con più attenzione.

Sono molte le branche di fitness in cui è necessaria la figura dell’istruttore. Vi sono, ad esempio:

  • cardio;
  • acquagym;
  • crossfit;
  • pilates;
  • ginnastica posturale;
  • stretching.

L’istruttore, oltre a far svolgere correttamente gli esercizi, ha l’arduo compito di motivare i corsisti da un punto di vista psicologico.

Come diventare istruttore di fitness: la formazione

Passo (quasi) necessario nella formazione di un istruttore di fitness è il conseguimento della Laurea in Scienze Motorie. Quest’ultima può essere sia la più classica triennale e sia la laurea specialistica, solitamente biennale.

Alla laurea inoltre può essere accompagnato un secondo step formativo. In giro vi sono infatti parecchi corsi di formazione in ambito Fitness, erogati da accademie, scuole o anche società affiliate ad enti sportivi. La scelta non è semplice e va fatta ovviamente con cura. Al termine del corso di formazione sarà rilasciato un diploma di qualifica tecnica.

Occorre sempre controllare che i precedentemente accennati corsi di formazione siano riconosciuti dal CONI. Sempre più spesso in giro vi sono infatti corsi fuffa, che oltre a non aggiungere nulla alla propria formazione ne minano anche la professionalità e la credibilità.

Da precisare comunque che il possesso della laurea non è indispensabile, ma altamente consigliato. Se organizzato bene infatti il corso di formazione può costituire anche l’unica esperienza formativa svolta dall’istruttore di fitness, che così può buttarsi a capofitto nel mondo del lavoro.

Qual è lo stipendio medio?

Come per tutti i lavori, è molto difficile stabilire con precisione lo stipendio di un istruttore di fitness. In media comunque, la retribuzione mensile di questa figura lavorativa varia da un minimo di 700 € netti ad un massimo che può superare i 3.000 € netti.

Ovviamente tutto dipende dal livello e dalla modalità con cui si svolge quest’attività: vi è ad esempio già molta differenza di retribuzione dal libero professionista al dipendente di una palestra o di una società sportiva. In quest’ultimo caso molto varia dalla grandezza e dalla qualità dell’ambiente lavorativo in cui si è inseriti.