Bonus per Donne Disoccupate, Novità 2017 dall’INPS ed Altre Agevolazioni

0
89
Donne disoccupate

Donne disoccupate

Anche per il 2017 è stato confermato il bonus per le agevolazioni contributive per coloro che assumono donne disoccupate; le agevolazioni prevedono uno sconto del 50% per un anno dei contributi obbligatori INPS a loro carico, calcolato in base alla tipologia e alla modalità contrattuale.

Il bonus potrà essere utilizzato da aziende del settore privato per l’assunzione di donne di qualsiasi età e residenza purché prive di lavoro da almeno 2 anni oppure da 6 mesi se si tratta di donne residenti in “aree svantaggiate” o in particolari settori economici.

Il bonus per quest’anno potrà essere richiesto dalle aziende per l’assunzione di donne disoccupate che risultino residenti nelle regioni che rientrano nel piano finanziamenti nell’ambito dei fondi strutturali dell’Unione Europea e nello specifico nelle seguenti regioni: Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Basilicata in tutta la superficie regionale, mentre per le regioni di Emilia Romagna, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Sardegna, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto, Abruzzo, Molise, Lazio, Liguria, Lombardia si tratta solo di alcune aree e comuni. (per controllare esattamente regioni e settori potete visitare il sito www.camera.it)

In caso di passaggio da contratto determinato ad indeterminato il contributo, che normalmente viene erogato per 12 mesi, sarà prolungato a 18 mesi dalla data di assunzione della lavoratrice.

Per gli over 50 disoccupati e per donne over 50, senza la necessità di una disoccupazione pregressa, la legge di stabilità ha confermato anche per quest’anno degli sgravi sul versamento dei contributi Inps.
Il bonus può essere richiesto per donne o uomini over 50 che risultino disoccupati da almeno 12 mesi.
E’ possibile ottenere il Bonus anche in presenza della trasformazione di un contratto da tempo determinato a tempo indeterminato, purché questo avvenga entro la scadenza del precedente incentivo.
La domanda di usufruire dei bonus va fatta dalle aziende direttamente attraverso il sito Inps, dove potranno trovare gli appositi moduli disponibili nel ‘Cassetto previdenziale aziendale’ della propria area personale, e trasmessa per via telematica prima dell’invio della denuncia contributiva.
L’Inps, una volta ricevuta la domanda, dovrà fare gli opportuni controlli per verificare l’effettiva idoneità e i requisiti della donna che l’azienda vorrà assumere.